All newsAltri eventiCalcioEconomia E PoliticaEventiGiustizia SportivaIstituzione e AttualitàOsservatorio PoliticoParlamento e GovernoSerie A - Serie B

Entro 12 mesi testo unico di riordino della disciplina sul contrasto alla violenza in eventi sportivi

“Il disegno di legge, dopo le modifiche approvate dalla Commissione Giustizia, si compone di un solo articolo, con il quale delega il Governo ad adottare, entro 12 mesi, un testo unico di riordino della disciplina sulla prevenzione e il contrasto alla violenza nelle manifestazioni sportive, dettando alcuni principi e criteri direttivi. I primi criteri di delega (dettati dal comma 2) prevedono: la ricognizione, il coordinamento, e l’armonizzazione della normativa, anche penale e processuale, non disciplinata dai codici in materia di prevenzione e di contrasto dei fenomeni di violenza connessi alle manifestazioni sportive (lett. a); il coordinamento e l’armonizzazione della suddetta normativa con le disposizioni vigenti (lett. b).

Al riguardo andrebbe approfondito se il principio di cui alla lettera b) non si sovrapponga con quanto già previsto dalla lettera a) in materia di coordinamento e armonizzazione delle disposizioni in materia di prevenzione e contrasto dei fenomeni di violenza connessi alle manifestazioni sportive. In relazione a tali principi di delega, il riordino ed adeguamento interesserà, in particolare, le disposizioni della legge 13 dicembre 1989, n. 401 (Interventi nel settore del giuoco e delle scommesse clandestini e tutela della correttezza nello svolgimento di manifestazioni sportive), più volte nel tempo oggetto di interventi d’urgenza da parte del legislatore (da ultimo, appunto, con il decreto-legge n. 53 del 2019)”.

E’ quanto sottolineato nel Dossier Elementi per la valutazione degli aspetti di legittimità costituzionale della Documentazione per l’attività consultiva della I Commissione “Contrasto della violenza in occasione di manifestazioni sportive” pubblicato alla Camera. “Oltre a profili penali sostanziali (con la previsione di numerosi reati commessi in ambito sportivo: dalla frode, alle scommesse clandestine, alla violenza su persone o cose, al possesso di armi e strumenti atti a offendere, al lancio di oggetti e artifizi pirotecnici, allo scavalcamento e invasione di campo, all’esposizione di striscioni razzisti), la legge del 1989 concerne specifici aspetti processuali, con particolare riferimento ai ricorsi amministrativi avverso l’irrogazione del Daspo da parte del questore; al giudizio di convalida dell’obbligo di comparizione presso gli uffici di PS nel corso della giornata di svolgimento della manifestazione sportiva; alle ipotesi di arresto in flagranza differita; alla possibilità, in relazione a determinati reati, di ricorso al giudizio direttissimo; al “giudizio” del questore sulla riabilitazione del soggetto sottoposto al Daspo”, aggiunge il testo come riportato dal portale specializzato Agimeg.

Previous post

Il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, apre all'azionariato popolare

Next post

L'INGAGGIO DEL GIAPPONESE HIROKI ABE APRE NUOVE POSSIBILITA' DI MARKETING PER IL BARCELLONA

Redazione

Redazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.