All newsAltri eventiCalcioDiritti di immagineEconomia E Politicahome pageIstituzione e AttualitàOsservatorio PoliticoSerie A - Serie B

Calcio: Miserie e incompetenze…

(di Marcel Vulpis – oggi fondo sul quotidiano politico L’Unità) – Dopo il calcioscommesse, i fallimenti dei club (come nel caso del Parma, da questa stagione in serie “D”) e l’esplosione in campo del recente fenomeno delle offese razziste, incluse quelle di stampo omofobo, è il turno dell’evasione, aggravata dall’ipotesi di falsa fatturazione.
Il calcio italiano non smette mai di stupirci. Periodicamente implode, per poi riaffiorare in superficie, giocando sulla scarsa memoria dei tifosi e delle istituzioni, abituate, queste ultime, più a nascondere la polvere sotto il tappeto, che a spazzare lo sporco una volta per tutte. Se fossero confermate tutte le accuse della procura di Napoli, ci sarebbe infatti poco da meravigliarsi. L’Italia è da tempo la “regina” dell’evasione Iva. Già nel 2013, i dati della commissione Ue parlavano della perdita di un terzo del gettito: oltre 47 miliardi di euro.
Il calcio, distintosi negli ultimi anni per altri vizi (più o meno gravi), difficilmente poteva rimanere immune dalla piaga dell’evasione. Sempre che sia questa, poi, la ragione reale della ipotesi di reato ravvisata dalla Guardia di Finanza. Perché a leggere i bilanci in “rosso” dei club professionistici (ben 14 su 20 nella scorsa stagione), solo con alchimie contabili e con strumenti di finanza creativa è possibile cercare di non sprofondare nel baratro del default.
Manca liquidità nel sistema: i costi da tempo superano i ricavi (troppo elevati i salari dei calciatori, nonostante le dichiarazioni di austerity) e questo sbilancio viene attenuato solo con il fenomeno, troppe volte abusato, delle plusvalenze.
Il calcio italiano è appiattito, da tempo, sull’area dei ricavi da diritti audiovisivi. E’ l’unica voce (per fortuna) in crescita: oltre 1,1 miliardi di euro. Può crescere sui mercati esteri, ma il comparto domestico è saturo. Oltre non si può andare, almeno finchè sarà questa l’immagine globale del pallone tricolore.
Per il resto meglio stendere un velo pietoso: stadi da terzo mondo (uniche eccezioni Juventus, Sassuolo e Udinese), tifoserie sempre meno presenti nelle curve, scarsa attrattività media a livello commerciale, difficoltà nel radicarsi in ambito internazionale, investimenti sui vivai sempre più asfittici, tanto da renderli invisibili come voce in molti bilanci. Soprattutto, non c’è la volontà di cambiare: meglio fare “cartelli” con i procuratori, strapagando calciatori dai nomi esotici (per poi rivenderli entro pochi mesi all’estero) più presenti negli atelier di moda che sul rettangolo di gioco. Nel frattempo, la Premier league inglese continua a schiaffeggiarci moralmente: secondo l’ultima indagine Deloitte i 20 club della prima divisione sono nella top 40 della Football Money league. Praticamente non è possibile competere come sistema, ad eccezione della Juventus, decima nel report 2015. Troppo poco per sognare un nuovo rinascimento italiano.

* direttore agenzia Sporteconomy

Il direttore dell'agenzia Sporteconomy durante la trasmissione di RaiSport "Pomeriggio da Campioni".

Il direttore dell’agenzia Sporteconomy durante la trasmissione di RaiSport “Pomeriggio da Campioni”.

Previous post

Di Battista (M5S): Bufera tasse nel calcio. Tutti a casa!

Next post

Barbaro (Confassociazioni) "pizzica" il CONI di Malagò

Marcel Vulpis

Marcel Vulpis

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.