All newsBetting & Gaming

Bankroll e Stake: come gestire al meglio il budget scommesse

Photo by Kelly Sikkema on Unsplash

La gestione del budget è un’attività fondamentale quando si decide di scommettere online.
Un adeguato money management permette infatti di piazzare le puntate con lucidità e fermezza, senza farsi prendere dalla fretta o dal facile entusiasmo, così da minimizzare eventuali perdite e, magari, anche da ottimizzare le vincite. Di certo non esiste un metodo sicuro per vincere nel betting, neanche nei migliori siti scommesse, ma già sapere come spendere e ripartire le proprie risorse disponibili è un passo in avanti per affrontare le puntate con lungimiranza e tattica di gioco. Per fare questo c’è bisogno di conoscere alcuni concetti legati alla gestione del bankroll, e saperli applicare al momento di piazzare le puntate su uno dei tanti eventi sportivi che i bookmaker legali offrono in palinsesto.
Ecco, dunque, una serie di consigli utili, e un approfondimento sulle nozioni di budget, bankroll e stake scommesse, nonché sulla loro applicazione pratica da parte dello scommettitore, navigato o meno esperto che sia.

IL BUDGET: COME GESTIRLO AL MEGLIO

Prima ancora di scommettere, si deve scegliere il bookmaker, e anche questa azione si ripercuote indirettamente sulla gestione del budget.  Un buon bookie legale non propone soltanto un palinsesto ricco di eventi, ma anche una varietà di bonus come il bonus senza deposito, il bonus di benvenuto, il bonus cashback o il rimborso sulle perdite, dal 30% fino al 100%.
Utilizzare i bonus, ma anche le promozioni temporanee come le quote maggiorate e i moltiplicatori sulle multiple, aiuta lo scommettitore a gestire il budget con oculatezza. Per questo motivo è sempre bene optare per un bookie ADM che, a seconda del tipo di sport o di evento di interesse, offra un range di promozioni ampio e diversificato.
A questo proposito va aggiunto che, prima di cliccare sulla promo o sul bonus desiderato, l’utente deve verificare i termini e le condizioni dell’offerta in questione, con una particolare attenzione alla data di scadenza e alle scommesse valide. Molto importante è anche controllare se esiste una quota minima per lo sblocco del bonus, oppure un vincolo di rigioco.

Se si decide di scommettere con regolarità, è importante ripartire il budget a disposizione: per farlo bisogna sapere su quali eventi è meglio puntare. Consultare una lista degli eventi in programma e appuntare quelli di interesse è buona norma, ma anche informarsi sui singoli eventi in prossimità, per conoscere lo stato di forma della squadra ed eventuali imprevisti.

Le ammonizioni, gli infortuni dei giocatori, le condizioni del terreno di gioco, possono infatti sembrare dei concetti lontani dalla gestione del conto di gioco, ma va considerato che tali fattori sono in grado di stravolgere e ribaltare i pronostici considerati più sicuri, e dunque anche i risultati attesi delle singole puntate.
La gestione del bankroll, dopotutto, passa anche dal controllo degli imprevisti. Scommettere per gradi è consigliato, così come partire da quote basse, ovvero quelle con maggiori probabilità di vincita.

Questo approccio magari non genera un ritorno molto alto o vincite istantanee da capogiro, ma, soprattutto per i meno ferrati nel betting, rappresentano un modo graduale e responsabile di divertirsi con le scommesse online.

Tenere un conto aggiornato delle vincite e delle perdite è un’altra pratica utile: in questo modo si può scegliere di reinvestire le eventuali vincite, di fermarsi o, meglio ancora, di rivedere la propria strategia di gioco quando si nota che si sta perdendo troppo.

Infine, anche la scelta del metodo di pagamento e prelievo può incidere sul budget finale: i tempi di prelievo e deposito variano infatti da sistema a sistema, così come gli eventuali costi di commissione.  PayPal è uno dei metodi preferiti dagli scommettitori, perché è immediato e senza costi aggiuntivi di transazione.

GLI STRUMENTI DI GESTIONE DEL BANKROLL

Il bankroll è la somma che lo scommettitore investe e dunque mette a rischio nell’attività di betting.
Si parte quindi da un’idea generica di capitale – il budget a disposizione – che va dilazionato nel tempo. Una buona norma è non scommettere in una giornata più del 10% del totale di budget disponibile. Le scommesse non vanno forzate e, se si perde, è consigliato rivedere i propri piani strategici.
Esistono varie teorie di money management: alcune consigliano di evitare puntate che superino il 5% del totale budget disponibile ma, se si è scommettitori poco esperti, si può anche abbassare la soglia sotto al 3%.
Per tutte le puntate piazzate si suggerisce di tenere un foglio di calcolo Excel contenente una lista delle spese, dei guadagni, insieme a un bilancio settimanale, mensile, oppure annuale.

Per i più tecnologici, esistono anche software e app di gestione del bankroll, per essere sicuri di tenere i dati aggiornati e per avere sempre sotto controllo le entrate e le uscite.  Tra i principali software di gestione delle finanze ci sono “Money Manager”, “Fast Budget”, “Gestione Spese Facile”,” Monefy” e altri – tutte app che sono compatibili con i sistemi operativi iOS e Android e con qualsiasi genere di dispositivo.
In questo modo, visto che sono in netto aumento le scommesse da mobile, si ha la possibilità di tenere sempre aggiornato all’ultimo evento il proprio foglio di spesa.

LO STAKE SCOMMESSE: COS’È E COME SI CALCOLA

Lo stake è un metodo di scommessa basato sulla fiducia che lo scommettitore ripone sul proprio pronostico, da cui poi decide di volta in volta il budget da investire in un dato evento. Secondo questo approccio, il budget giornaliero di puntata può variare in base alla fiducia riposta nell’esito pronosticato, e dunque può salire ben oltre la soglia giornaliera del 10%.

Lo stake si calcola su una scala numerica da 1 a 10, e la valutazione passa attraverso un range di fattori come la forma fisica dei team e dei singoli giocatori, le condizioni meteo e del terreno, gli eventuali infortuni, i cartellini gialli e/o le squalifiche in atto, etc. Lo stake va rispettato, e il budget in avanzo va tenuto in cassa.

In generale, comunque, ogni budget prefissato va sempre rispettato, e mai sottratto ad altre attività della vita quotidiana, nell’ottica generale di un gioco consapevole e responsabile.

 

 

Previous post

La Federcalcio olandese (KNVB) punta alla parità dei salari tra uomini e donne

Next post

Il canarino è il nuovo logo dell'F.C. Modena (Serie B)

Redazione

Redazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.