All newsAltri eventiAziendeBoxeBrandDigital Media SportDiritti TelevisiviEconomia E PoliticaIstituzione e AttualitàMarketingMMA-Combat Sports

Superfights Tsunami: Gloria Peritore sul tetto del mondo

La sfida per gli atleti in gara a Superfights Tsunami ieri sera era doppia : da un lato vincere contro il team internazionale proveniente da Spagna, UK, Australia e Francia più agguerrito degli ultimi anni e battere la superstizione che indica il venerdì 17 come giorno da evitare per qualunque cosa.
Se il valore degli italiani è stato all’altezza della situazione così non è stato per l’avversa fortuna che ha obbligato il beniamino di casa ad abbandonare la competizione per un grave malore occorso la notte prima della gara.
Dopo una notte intera in ospedale ed un referto medico che gli negava la possibilità di combattere, Mattia saliva sul ring del Pala Pellicone per leggere il referto e scusarsi con il pubblico, accorso in gran numero, e con Charles Joyner con il quale l’appuntamento con il titolo iridato è solo rimandato.

Peritore pareggia
Gloria Peritore trova sul ring una sfidante determinatissima che rispondeva sempre colpo su colpo. Nonostante alcuni colpi spettacolari portati a segno da Gloria, la boxe di Mireia Garcia pareggiava poi i conti.
Era quindi un risultato finale di parità che premiava entrambe le atlete lasciando così la cintura ed il titolo alla detentrice italiana.

Cannito superstar
Paolo ‘’Bum Bum’’ Cannito vinceva con un risultato ai punti molto soddisfacente visto il valore del campione francese Quentin Alhamdou . Una nuova tacca per il campione europeo in carica Cannito che si avvicina a poter aspirare ad un titolo iridato futuro.

Oliva scivola ma si rialza
Brutta scivolata per Roberto ‘’The Butcher’’ Oliva che incappa in un colpo a freddo all’inizio del primo round contro lo spagnolo Vicente Garcia che si rivelava forse uno dei fighter più duri del Team spagnolo. Difficile il recupero nei 3 rounds di gara per Roberto che terminava il match sempre bellicoso fino all’ultimo ma poi Sconfitto ai punti.

Valdinocci e Imane battono gli spagnoli

La sfida con la spagna terminava 2 a 1 ed un pari a favore dell’Italia grazie a Jordan Valdinocci che batteva Guillermo Obregon ai punti così come Hamza Imane contro Jesus Arisa . Bella prova per i nostro campioni che vincendo si garantivano una sicura presenza al prossimo superfights.

Taras Hnatchuk la sorpresa
E’ l’ukraino Taras Hnatchuck che ha maggiormente impressionato gli addetti ai lavori grazie ad una spettacolare prova di forza che lo vedeva vincere contro l’inglese Robert Zabitis.

Le star della serata
Non brillava solo il ring di stelle di prima grandezza ma anche il bordo ring dove si registrava la presenza di attori e attrici come Cristian De Sica, Barbara D’Urso e persino Asia Argento che è poi salita sul ring per congratularsi con Gloria Peritore.

Sponsor e tv in crescita

Il gala capitolino è stato trasmesso in diretta, su Dazn, a partire dalle ore 20. Una conferma del crescente interesse della piattaforma internazionale OTT per il movimento dei “combat sports”.

Il progetto “SuperFights Tsunami”, patrocinato dall’Assessorato allo Sport, Grandi Eventi, Turismo e Moda di Roma Capitale e dal Municipio X, porta la firma di Carlo Di Blasi (presidente di Fight1). L’evento ha visto la presenza di numerosi partner di profilo nazionale: Tsunami Nutrition (title sponsor), Distretti Ecologici (presenting sponsor), K24 Alarm (gold sponsor), Radio Roma (radio ufficiale) e Leone Sport (sponsor tecnico). Presenti a bord ring, per assistere all’intera card, l’assessore allo sport di Roma Capitale Alessandro Onorato e la vicepresidente del Municipio “X” Valentina Prodon.

Antares Coming Soon
Appuntamento ora al prossimo galà di Fight1 Antares con i mondiali di Martine Michieletto e Mustafa Haida a Edolo (BS) sabato 9 luglio.

Previous post

Sport, Intrattenimento e Digitalizzazione. L'enter(sport)ainment come nuovo modello di business

Next post

Racines Turismo official partner dell’F.C. Südtirol per tre anni

Redazione

Redazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.