All newsAltre LegheAltri eventiCalcioConiFederazioni Italianehome pageIstituzione e AttualitàLega PRO

La Lega Pro riparte da Gravina. Pagnozzi il grande sconfitto

Gabriele Gravina da poco più di 48 ore è il nuovo presidente della Lega Pro.
Lo ha eletto l’assemblea dei club riunitasi a Firenze, al secondo scrutinio, con 31 voti contro i 13 di Raffaele Pagnozzi (il grande sconfitto di questa votazione – tornato alla ribalta dopo il fotofinish al CONI a favore di Giovanni Malagò per la presidenza dell’ente pubblico sportivo) e i 7 di Paolo Marcheschi (ex sub-commissario e consigliere regionale in Toscana per due legislature). Praticamente non c’è stata mai partita, nonostante che i media sportivi dessero fino a poche ore prima del voto, avanti Marcheschi sugli altri due candidati.

Gravina, nato a Castellaneta in provincia di Taranto, succede come Presidente a Mario Macalli.
“E’ un momento importante e sono soddisfatto di quanto ho raggiunto- ha commentato subito dopo l’elezione, Gabriele Gravina – è un risultato chiaro e impegnativo perché è ricco di responsabilità. E’ necessario lavorare per rimettere assieme le energie dei presidenti. E’ stata premiata la mia tenacia. Al termine dell’Assemblea, ho abbracciato uno ad uno  tutti i presidenti. La prima cosa che farò? Tra pochi giorni al lavoro perché abbiamo un anno, ma tante attività da portare avanti con traguardi e obiettivi. Incontrerò appena possibile il Commissario Miele per il passaggio di consegne”.
L’Assemblea ha votato con larga maggioranza il rinvio dell’elezione dei due vicepresidenti della Lega Pro.

Sono stati eletti per il Consiglio Direttivo:
Cerrai ( Lupa Roma), De Meis (Rimini),  Lovisa (Pordenone), Maglione (Melfi), Miani (Ancona), Nitti (Pro Patria), Sannella (Foggia), Tardella (Maceratese).
È stato approvato il bilancio della Lega Pro per la stagione 2014/’15 nel corso dell’Assemblea, che si è tenuta due giorni fa presso la sede della Lega Pro.
Sono stati 37 i voti a favore da parte delle società, con 3 astenuti, 1 voto contrario, e 2 assenti dalla votazione.

Sull’attività svolta dal 7 luglio, giorno della nomina a Commissario, Tommaso Miele ha detto: “ E’ stato portato a termine un grande lavoro, raggiungendo gli obiettivi prefissati dal mandato commissariale. Ho trovato collaborazione fattiva tra i presidenti dei club e ringrazio i collaboratori e i dipendenti della Lega Pro per il supporto che mi è stato dato”.

Il Commissario Miele, che resterà in carica fino al 31 dicembre prossimo, ha concluso: “Lascerò alla nuova governance una relazione sulle attività svolte, sulle questioni risolte e su altre da portare a compimento”.

Previous post

Brindisi natalizi in vista di Roma2024

Next post

Per Natale l'App mobile della Lega B

Redazione

Redazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.