All newsAltri eventiAziendeCalcioCalciomercatoEconomia E PoliticaEventiFederazioni ItalianeFIFA - UEFAhome pageIstituzione e AttualitàOsservatorio PoliticoSerie A - Serie BSport Business

LA IAFA CHIEDE IL PROLUNGAMENTO DELLA FINESTRA DI CALCIOMERCATO

(di Andrea Ranaldo) – Sono ore bollenti per il calcio italiano. Anche quest’estate, infatti, così come avvenuto negli anni scorsi, i procedimenti di giustizia sportiva attualmente in corso non permettono di avere chiaro il quadro delle partecipanti ai campionati professionistici: il caos riguarda soprattutto alcune serie calcistiche, con diverse società in bilico che si trovano nella scomoda posizione di non poter pianificare, al meglio, il proprio progetto sportivo. Una situazione che, se possibile, risulta ancora più problematica rispetto al passato: lo scorso 1° giugno, attraverso il comunicato ufficiale n° 59, le istituzioni sportive italiane avevano annunciato l’anticipazione dei termini della chiusura della sessione estiva del calciomercato, optando per il 17 agosto alle ore 20:00 per la Serie A e la Serie B, e per il 25 agosto alle ore 12:00 per la Serie C.

Tale termine, però, potrebbe ora subire una proroga: la IAFA – Italian Association of Football Agents – sta maturando la decisione di presentare un’istanza formale al commissario straordinario della FIGC, Roberto Fabbricini, per chiedere di ripristinare la canonica scadenza del calciomercato, storicamente prevista per il 31 agosto alle ore 23:00.

COS’È LA IAFA

La IAFA (Italian Association of Football Agents) è una associazione di categoria senza scopo di lucro, costituita il 19 Gennaio 2015 e avente come finalità essenziale la tutela dell’immagine e dei diritti degli Agenti di Calciatori come categoria professionale nei rapporti con le istituzioni dell’ordinamento statuale e dell’ordinamento sportivo, nonché il pieno riconoscimento giuridico della relativa figura professionale, promuovendone una compiuta e congeniale regolamentazione.

Presieduta da Christian Bosco, la IAFA ha recitato un ruolo da protagonista nella riforma che il CONI sta adottando in queste settimane e che richiederà il superamento di due esami per poter operare, nel pieno rispetto della legge, come Agente Sportivo.

LE RICHIESTE DELLA IAFA

Attraverso un suo portavoce, la IAFA ritiene che “alla luce del quadro generale di incertezza che si sta manifestando nel calcio italiano in questi giorni, ai fini della composizione degli organici dei campionati per la disputa della nuova stagione sportiva, è chiaro ed inconfutabile che la chiusura anticipata della finestra estiva di calciomercato può risultare pregiudizievole sia per i club sia per i calciatori italiani, nell’ambito delle trattative a livello nazionale ed internazionale“. Secondo la IAFA, inoltre, il provvedimento appare immotivato anche alla luce del fatto che, fatta eccezione per la Premier League inglese – il cui calciomercato in entrata sarà chiuso il 9 di agosto alle ore 18:00 -, nessun altra federazione europea di primo piano ha aderito alla proposta della FIFA di chiudere la sessione di mercato prima dell’inizio del campionato. Per aumentare la cassa di risonanza della propria richiesta, la IAFA sta cercando l’appoggio sia dei colleghi dell’AIACS (Associazione Italiana Agenti di Calciatori e Società), che dell’AIC (Associazione Italiana Calciatori).

La formulazione dell’istanza dovrebbe avvenire lunedì 6 agosto.  

 

Previous post

Il 25% di CAI acquisito da una controllata di Investment Corporation of Dubai

Next post

Puma ha svelato il nuovo Third Kit dell’AC Milan a San Francisco

Redazione

Redazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.