All newshome pageIstituzione e AttualitàMerchandising LicensingOsservatorio PoliticoParlamento e GovernoSerie A - Serie B

Il marketing parassitario colpisce anche i top club come la Juventus

Secondo quanto riporta il “dorso” di Torino de La Repubblica,  la Juventus FC guadagnerebbe tra i 7 e i 10 milioni di euro in più rispetto ai 12 milioni di ricavi annui, se non ci fosse la vendita illegale nel mondo di prodotti di merchandising come magliette, sciarpe, cover, tazze. Lo ha rivelato Fabio Tucci, avvocato del club bianconero, nell’incontro organizzato da Confcommercio ‘Legalità mi piace‘.

“Le tutele esistenti dal punto di vista legale, penale e civile – ha detto – non sono sufficienti per i club di calcio non solo per quanto riguarda la vendita di prodotti, ma anche per gli eventi nazionali e internazionali. Quello che manca è una legislazione che consenta ai club di ottenere il sequestro di prodotti look like, cioè non propriamente contraffatti ma molto simili agli originali che possono trarre in inganno. Per Torino 2006 era stata fatta una legge ad hoc, oggi c’è un progetto di legge contro il marketing parassitario in Parlamento. Chiediamo che venga approvato in tempi brevi”.

A Torino la contraffazione nelle bancarelle vicino allo Juventus stadium infine è stata ridotta del 95% grazie all’intervento delle forze dell’ordine.

Previous post

Vezzali (SC): Violenza sulle donne, giornata triste ma utile

Next post

Scoppia il caso Ucraina-Russia sul gas. La Gazprom, sponsor Champions, cessa le forniture

Redazione

Redazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.