Giochi – Ore cruciali per il futuro di Pescara 2009

E’ sempre più intricato l’affaire “Pescara 2009”, dove CdL e Centro-Sinistra si stanno dando battaglia per gestire l’intera operazione dei prossimi Giochi del Mediterraneo.


«Sono state dette sul mio conto una serie di falsità. Vogliono ammazzare i giochi e mettermi in tasca l’arma del delitto per far cadere su di me l’intera responsabilità ma i cittadini devono sapere la verità». Così avrebbe commentato Sabatino Aracu (esponente di Forza Italia e presidente del Comitato organizzatore locale) con un giornalista di un portale abruzzese d’informazione.


Poi Aracu ha raccontato di una accorata telefonata del presidente del Cijm, comitato internazionale dei Giochi del Mediterraneo, Amar Addadì, e di come i tempi siano sempre più stretti. «Addadì ha chiaramente detto che occorrono assicurazioni solide entro il prossimo 2 ottobre data in cui a Barcellona si riunirà l’esecutivo che potrebbe anche accogliere il ritiro di Pescara 2009. A quel punto il danno sarà immenso ed incalcolabile».


E se l’Abruzzo perderà i Giochi chi ci guadagnerebbe? «Nessuno, questo è sicuro” ha continuato Aracu. “Ci perderemmo tutti. La classe politica, i cittadini e l’immagine irrimediabilmente compromessa dalla nostra regione».

Previous post

Atletica - La 20ima edizione della "Turin Marathon"

Next post

Aziende - Sparco verso la quotazione in Borsa

Marcel Vulpis

Marcel Vulpis

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.