About The RugbyAll newsAltri eventiAltri SportFederazioni ItalianeFormazione&Convegnihome pageIstituzione e AttualitàRugby

Con il Sei Nazioni di rugby la cultura va in meta

Rugby e patrimonio culturale italiano insieme, per la prima volta, in occasione dell’RBS Sei Nazioni 2016.
In virtù dell’accordo pluriennale di partnership definito tra il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (MIBACT) e la Federazione Italiana Rugby i possessori dei biglietti validi per assistere alle partite allo stadio Olimpico di Roma dell’RBS Sei Nazioni 2016 (Italia-Inghilterra, 14 febbraio ore 15 e Italia-Scozia, 27 febbraio ore 15.25) avranno diritto all’ingresso gratuito per due persone presso dieci musei e gallerie d’arte nelle giornate di venerdì 12, sabato 13 e domenica 14 febbraio 2016 e venerdì 26, sabato 27 e domenica 28 febbraio 2016 previa esibizione dei biglietti dei relativi incontri.

All’iniziativa ha aderito anche la Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali di Roma Capitale aprendola a tutti gli istituti di Musei in Comune (vedi lista in calce al comunicato).
Il Ministro On. Dario Franceschini ha sottolineato la portata della sinergia :”Grazie a questo accordo si aprono le porte del patrimonio museale della città di Roma al mondo del rugby. L’iniziativa consentirà ai tanti appassionati di coniugare l’interesse per lo sport e quello per la cultura. Un’occasione ulteriore per promuovere i tesori dell’arte italiana”.
L’accordo, che rappresenta una novità assoluta nel rapporto tra il rugby e il patrimonio della città di Roma, sede del Sei Nazioni, è parte di un più ampio progetto :”Una delle nostre linee guida – ha sottolineato il Presidente FIR, Alfredo Gavazzi – prevede di sviluppare sinergie tra il Torneo e il patrimonio culturale di Roma, nella condivisione di valori comuni che sono peculiari del nostro mondo e che offrono al nostro pubblico, fatto soprattutto di famiglie, una opportunità di crescita sociale e culturale. L’accordo con il MIBACT è in tal senso una splendida occasione”.
La partnership, attiva nei giorni 12, 13 e 14 febbraio e 26, 27 e 28 febbraio, coinvolge i seguenti istituti statali :
1- Galleria Spada – Roma (piazza Capo di Ferro, 13; ore 8.30 – 1930)
2- Museo dell’Alto Medioevo – Roma (viale Lincoln, 3; ore 9-14; domenica 9-19.30)
3- Museo Nazionale d’Arte Orientale “Giuseppe Tucci” – Roma (via Merulana, 248; ore 9-14; sabato e domenica 9-19.30)
4- Museo Nazionale degli Strumenti Musicali – Roma (piazza S. Croce in Gerusalemme, 9/A; ore 9-19)
5- Museo Nazionale del Palazzo di Venezia – Roma (via del Plebiscito, 118; ore 8.30-19.30)
6- Museo Nazionale di Castel S. Angelo – Roma (lungotevere Castello, 50; ore 9-19.30)
7- Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia – Roma (piazzale di Villa Giulia, 9; ore 8.30-19.30)
8- Museo Nazionale Preistorico ed Etnografico “Luigi Pigorini” – Roma (piazza Guglielmo Marconi, 14; ore 9-18; domenica ore 9-13.30)
9- Galleria Nazionale d’Arte Antica in Palazzo Barberini – Roma (via delle Quattro Fontane, 13; ore 8.30-19)
10- Galleria Nazionale d’Arte Antica in Palazzo Corsini – Roma (via della Lungara, 10; ore 8.30-19.30).
Di seguito la lista di Musei in Comune che aderisce all’iniziativa :
1- Musei Capitolini
2- Centrale Montemartini
3- Museo dei Fori Imperiali – Mercati di Traiano
4- Museo dell’Ara Pacis
5- Museo di Roma
6- Galleria d’Arte Moderna
7- MACRO
8- Museo di Roma in Trastevere
9- Musei di Villa Torlonia (Casina delle Civette e Casino Nobile)
10- Museo Civico di Zoologia

Previous post

Paddy Power e Meloni, Fratelli di Web sul caso Rouhani

Next post

Savino (FI): La tassazione sul MOL delle scommesse penalizzerà l'ippica

Redazione

Redazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.