All newsAltri eventiAltri SportDiritti di immagineDiritti Televisivihome pageIOCIstituzione e AttualitàOlimpiadiRoma 2024

Roma2024 onora e celebra Muhammad Alì

Promise di scioccare il mondo, e ci riuscì. È stato “il più grande”. La sua leggenda ebbe origine ai Giochi Olimpici di Roma ’60, per trasformarsi in una saga destinata a trascendere la boxe, gli sport olimpici, la storia dello sport. Muhammed Ali è morto venerdi, all’età di 74 anni. Fu un campione in grado di valicare i confini dello sport, da sempre in prima linea e in prima persona per i valori della pace, dell’equità, della fratellanza. La città di Roma, Roma 2024, e l’Italia tutta, lo salutano e ringraziano con cordoglio, grati per aver avuto l’onore di poter accogliere, nel corso dei 17mi Giochi Olimpici del 1960, quel giovane e semi-sconosciuto talento del pugilato statunitense destinato a diventare “il più grande”, perchè tale sarà per sempre. Ti ricorderemo per sempre così: in cima al mondo, benedetto dai cinque cerchi olimpici.
“Muhammed Ali è stato un grande campione e grande uomo, il cui valore trascende la sua stessa carriera sportiva – ha commentato Luca di Montezemolo, Presidente del Comitato Promotore Roma 2024-. Lo ricorderemo per sempre non solo per le sue innumerevoli vittorie, ma anche per il suo costante impegno per la pace e la fratellanza. La sua leggenda è iniziata ai Giochi di Roma 60, cosa che ricordo ancora con grande emozione e’ e sarà per tutti noi il più grande”.

Previous post

Roma2024 supera la seconda fase della valutazione CIO

Next post

Il Sei Nazioni alla ricerca di un nuovo title sponsor. RBS out dal 2018

Redazione

Redazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.