All newsAltri eventiBrandCalcioCalciomercatoEconomia E PoliticaFair Play Finanziariohome pageIstituzione e AttualitàSerie A - Serie B

NUMERI DA RECORD NELLE PLUSVALENZE DELLE SQUADRE DI SERIE A

(di Daniele Rizzi) – Da semplice opportunità di ricavo a “leva finanziaria” utilizzata per sanare i bilanci, soprattutto quelli delle big. Le plusvalenze del calcio italiano, negli ultimi anni, sono diventate uno strumento imprescindibile, e nel 2018 hanno toccato la quota record di 731 milioni di euro, il doppio rispetto al 2016.

Detto che il sistema delle plusvalenze è uno strumento totalmente lecito, il dato aggregato pubblicato dall’analisi di “Panorama” recita di un fenomeno in pericolosa ascesa negli ultimi 24 mesi, rimasto sotto controllo fino al 2015.

Nell’arco di due stagioni, infatti, si è passati dai 376 milioni di euro del 2016 ai 731 milioni di euro (+94%)del 2018, registrando il grande balzo nell’estate della cessione di Paul Pogba al Manchester United (72,6 milioni di euro di plusvalenza alla Juventus), in cui si è dato inizio all’era delle maxi-plusvalenze, tracciando una strada che sino a quel momento era stata percorsa soprattutto da chi aveva necessità di sistemare i conti per rispettare i parametri imposti dal Fair Play Finanziario della UEFA.

Le plusvalenze, oggi, in Serie A, rappresentano quasi 1/4 del totale dei ricavi dei club (23,5%). Una progressione che preoccupa perché svela la difficoltà per molte società di incidere sulle voci strutturali del fatturato, quali i ricavi da stadio piuttosto che gli incassi dell’area commerciale (sponsorizzazioni, pubblicità e merchandising). I diritti TV non possono coprire tutto, e così facendo i club si espongono al doppio rischio di scarsa stabilità economica e difficoltà a costruire cicli tecnicamente vincenti.

Il dato incontrovertibile, comunque, è che a fare uso di plusvalenze sono proprio le big. Le prime 3 squadre classificate del campionato di Serie A 2017-2018, Juventus (94 milioni di euro di plusvalenze), Napoli (30 milioni di euro) e Roma (54 milioni di euro) ne hanno infatti accumulate per 178 milioni di euro (nella stagione precedente, sempre queste tre società, avevano registrato 340 milioni di euro complessivi). Alle loro spalle, Inter (49,1 milioni di euro), Lazio (63,7 milioni di euro), Milan (34,7 milioni di euro) e Atalanta (45,5 milioni di euro) hanno registrato plusvalenze per 193 milioni di euro complessivi.

Previous post

Dashing nuovo regional partner della Juventus FC

Next post

IL SASSUOLO CALCIO SCEGLIE WALLABIES. L’INTELLIGENZA ARTIFICIALE SBARCA PER LA PRIMA VOLTA IN SERIE A

Redazione

Redazione

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.