All newsAltre LegheAltri eventiAltri SportBrandClub HouseEconomia E Politicahome pageIstituzione e AttualitàRugbySport.BusinessSport.Federazioni

Gli All Blacks generano un impatto di 145 milioni di dollari sul PIL neozelandese

(di Lorenzo Vulpis) – Secondo un’analisi svolta dal Ministero dell’Economia Neozelandese, le partite disputate dalla Nazionale di Rugby a 15 della Nuova Zelanda (i cosiddetti All Blacks) durante il periodo estivo nel territorio nazionale hanno generato 145 milioni di dollari di impatto diretto sul Prodotto Interno Lordo del paese, con un incremento di circa 33 milioni rispetto agli anni passati.

Nel mese di giugno 2017 infatti ha avuto luogo il mini torneo “DHL New Zealand Lions Series”. La serie, che rappresenta da anni un’importante vetrina internazionale per la Nuova Zelanda, è andata oltre le più rosee aspettative, generando un utile di circa 40 milioni rispetto all’edizione dell’anno precedente, in cui si erano addirittura registrate delle perdite. Tale surplus è dovuto, oltre all’appeal del brand e all’esposizione internazionale degli All Blacks, a diversi fattori. Tra questi vi è anche e soprattutto un incremento del 14% relativo ai ricavi da sponsorizzazioni e licenze. Di recente infatti la federazione di rugby neozelandese, che già conta collaborazioni con Adidas e American International Group, ha stretto degli importanti contratti di sponsorizzazione, legandosi a colossi internazionali come Amazon e Apple.

Il 2017 poi ha registrato un importante numero di match internazionali che si sono disputati nel territorio neozelandese. In tal senso anche i nuovi contratti relativi ai diritti tv hanno generato considerevoli introiti, grazie alla sempre maggiore richiesta da parte delle televisioni estere.

Tuttavia questi risultati, secondo la federazione, non saranno più raggiungibili nel raggio dei prossimi tre anni a causa delle sopra citate perdite registrate nelle stagioni precedenti.

Per questo motivo l’obiettivo di breve termine è quello di rimanere sugli standard attuali al fine di garantire lo stesso livello di intrattenimento e di conseguenza ricavi soddisfacenti e necessari a creare ulteriori investimenti. I profitti generati dalla serie del 2017 verranno infatti verranno reinvestiti in progetti legati al rugby nazionale al fine di far crescere sempre di più uno sport che in Nuova Zelanda rappresenta una vera e propria linfa vitale, sia in termini economici che sociali e culturali.

Previous post

Malagò (CONI) interviene sul progetto pentastellato dei Giochi invernali di Torino2026

Next post

Vela, Bertelli (Luna Rossa) spinge per una Coppa America free rights a livello tv

Lorenzo Vulpis

Lorenzo Vulpis

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.