All newsAltri eventiAziendeCalcioCalcioCalcio.InternazionaleDigital Media SportDiritti di immagineDiritti TelevisiviEconomia E PoliticaEventihome pageIstituzione e AttualitàSponsorshipSport Business

“150 GRAMMI” LO SPOT DI ENI PER SOSTENERE GLI AZZURRI

(di Giancarlo Liggi) – Punta sull’Italia, a prescindere, e sugli Azzurri, pur non essendo presenti al Mondiale di Russia 2018. E’ il nuovo spot Eni legato a filo doppio al tema Italia-Nazionale.

L’assenza dell’Italia ai Mondiali di Russia 2018, non è passata del tutto inosservata, perché la storia della nazionale, vincitrice di quattro titoli mondiali è fatta di grandi imprese, ma anche di scivoloni e di risalite, proprio per questo ENI (Ente nazionale idrocarburi) lancia un nuovo spot, in onda su tutti i canali social della multinazionale italiana, per supportare gli azzurri nel loro momento più difficile. Eni è da diversi anni partner della Federcalcio italiana (FIGC)

150 grammi. Il peso della leggerezza che, se l’hai portato, ti resta addosso. 150 grammi che a volte si misurano in decibel e altre in metri quadrati. 150 grammi che possono crescere. Servono muscoli potenti. Tutti. Soprattutto il cuore. 150 grammi da sostenere. Specialmente adesso. Insieme” con queste parole, narrate in un video che vede protagonista Fabio Capello, allenatore ed ex giocatore della nazionale italiana, non che primo marcatore degli azzurri allo stadio Wembley di Londra, che vive davanti alla tv i ricordi del trionfo di Berlino 2006.

Leggerezza“, “Crescere“, “Muscoli“, “Cuore“, “Insieme“. Queste sono le parole chiavi, concentrate nel video ideato dall’agenzia pubblicitaria TBWA/Italia, perché ENI vuole essere con l’Italia sempre, fuori e dentro dal campo.

Previous post

Parte il World Stars Footvolley 2018 di Havas SE

Next post

Uniqlo pronto a chiudere con Federer per 300 milioni di dollari, ma Nike prosegue nella trattativa di rinnovo

Redazione

Redazione

2 Comments

  1. antonio
    21 giugno 2018 at 23:26 — Rispondi

    l’eni ha il listino carburanti sempre più alto rispetto le altre compagnie,ed e’ la prima a ritoccare,verso l alto, i prezzi in funzione delle oscillazioni mondiali

  2. antonio
    21 giugno 2018 at 23:28 — Rispondi

    avete i carburanti più costosi in europa ,vergogna

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *